lunedì 18 giugno 2018

Aedo

È simile ad un veggente,
ma non fruisce di sfere magiche,
non è soggetto a miraggi
e strane pozioni non sa fare;
detiene solo due piccole antenne
ai lati della fronte, non visibili,
non disturbano nessuno e per virtù
catturano tutte le onde dei pensieri della gente.
Canalizza  in profondità l’energia radiante
e con dedizione e stoicismo elimina ogni interferenza.
Tra una silente analisi della mente ed il brusio del cuore
ti rivelerà con pudica onestà il sogno promotore,
sarà il cantore dell’epico carma,
il silenzio sulle ali del vento respiro  troverà
si, aedo certo lo sa,
per te sola la cetra ancora accorderà.


                                 Brunetta Sacchet

martedì 12 giugno 2018

Il sogno di un balbuziente

Solo per un attimo
gradire,
senza implorare;
solo desiderare di...
non restare in silenzio.
Chiederei troppo se le
mie parole pretendessero
di volare.
Lo sai, le mie non sono
capaci di farlo,
non hanno la padronanza delle ali.
Sono solo parole che
hanno voglia di compiacersi;
reclamando la loro fiducia.
Così, le convincerei,
ad uscire...
ad alta voce, senza precipitare,
volteggiare in assenza di paura,
spoglie da ogni timidezza,
fornite di san coraggio.
Adesso, indicami,
da dove...
compaiono le emozioni,
si mostrano vivendo;
mi commuovo sentirle pronunciare;
le accorderei
con l’impulso del mio cuore.
È solo un sogno di un balbuziente
che non si da pace,
vive nel tormento,
cerca di capire il perchè di questa cosa,
le mie parole non sono
così diverse dalle altre.
Non vorrei... che si mostrino,
derise;
impedite;
legate;
soffocate e umiliate;
dalla voce di questo mondo.
Il mio dispiacere tiene
il peso di parole non dette,
gradirei tanto saperle scandire...
Ispirato dal cielo che stò osservando,
ci terrei molto, vederle volteggiare,
libere e felici nell’azzurro più profondo.

                                                                                    Antonio Castellaneta

giovedì 7 giugno 2018

I gesti d'amore



          I gesti d'amore
          non richiedono nessun compenso.

             
                                        Dawson's Creek.

domenica 3 giugno 2018

Rem tene, verba sequentur



                     Possiedi i contenuti,
                     le  parole seguiranno.


            M. P. Catone ( il Censore)

venerdì 1 giugno 2018

Un soffio di cielo

Opera di M. Compassi


Il cammino si fa arduo ed io sento la fatica
comunque vado...
proseguo...
la strada ed io siamo oramai una cosa sola,
il vento passandomi accanto traccia un onda,
mi attende sull'uscio di casa,
tra il focolare che riscalda ed il gatto che miagola.


                                         Brunetta Sacchet 🌹  

martedì 22 maggio 2018

Piçiul princip

Nol impuarte se no soi il cocâl
che al svole
tra i spazia dal cîl
e la sô ombre tal mar a va a polsâ.
Nol impuarte se no soi il sclopon dal to zardin,
chê che tu cjalis
cuant che tu ti sentis tal zardin.
Nol impuarte se no sei la gote
che cole de bocalete dal vin
e no ti puarti nancje un pocje di ligrie.
Nol impiarte se no soi l'aiar
che al puarte vie
ducj i nûi e al puarte biel timp.
Nol impuarte se no soi une pagjine
de tô vite,
ma dome la matite che scrif une flabe.
Tacade,
ma no ançiemò finide.

         Brunetta Sacchet🌹

Opera di M. Compassi

lunedì 21 maggio 2018

Scolte

Scolte...lu sintistu chest sfruiâ?
Al è l'aiar!
Al rive con pas lizêrs...
Come une mari al rive planc, no à voie di sveâ
il frut che si insumie...
L'aiar lizêr al rive
parcè curiôs al vûl sintî
lis notis de cjançon,
la cjançon che plâs tant al bon papavar;
al bale...ancjemò al bale,
sot lis stelis e tal lusôr de lune,
il papavar vongolant
al bale ancjemò,
ancje sot la poli e sot il soreli ros.
Scolte...lu sintistu chest sfruiâ?

                   Brunetta Sacchet🌹